You are here

Piano dei conti

Situazione finanziaria sotto controllo

La tabella Conti permette, con un colpo d'occhio, di vedere il saldo o il movimento di un conto, sapere di quanta liquidità si dispone e quanto è l''utile.
I conti sono disposti in modo da formare il Bilancio e Conto Economico.
Nella tabella Conti si inserisce anche l'anagrafica clienti e fornitori, con i relativi indirizzi, e si impostano anche Centri di Costo e profitto e segmenti e si hanno i risultati aggiornati. .

Impostare e modificare la struttura dei conti è semplice. Si possono aggiungere o cancellare conti in qualsiasi momento, semplicemente inserendo o cancellando la riga. Non vi è limite dei numeri di conto e si possono usare numeri o testi. La descrizione può anche essere molto lunga e si possono anche aggiungere delle colonne per inserire informazioni supplementari.

Il sistema di raggruppamento è altamente flessibile e potente, permette di impostare il piano dei conti secondo qualsiasi schema nazionale e di adattarsi esattamente alle esigenze della ditta. Se non si è soddisfatti delle disposizione o numerazione, la si può facilmente cambiare. Il comando rinomina, rimpiazza la denominazione del conto anche nelle registrazioni.

Con un click sul conto o gruppo si accede al dettaglio con tutti i movimenti del conto.

Nella tabella Conti ci sono anche le colonne del saldo iniziale, del movimento e del saldo attuale, che sono aggiornate in automatico dal programma.

Il piano dei conti dà quindi una visione immediata e completa della propria situazione finanziaria. 

  • Conti di liquidità
  • Bilancio
  • Conto economico
  • Risultato dell'anno corrente
  • Anagrafica clienti e fornitori
  • Centri di Costo e Profitto

I diversi tipi di riga e sezione

La tabella Conti (il piano dei conti) è sia lo strumento di impostazione, sia lo strumento di visione immediata della situazione economica e finanziaria. 

Nel piano dei conti si indicano i diversi elementi che occorrono per raggruppare i movimenti:

  • Conti della contabilità
    Servono per indicare su quale conto dare e avere devono essere registrate le operazioni.
    Ogni conto ha un numero o un'abbreviazione (numero di conto) una descrizione, la classe e il gruppo di appartenenza e il saldo iniziale, saldo attuale, preventivo, ecc.. 
  • Centri di costo e di profitto
    Conti che hanno il numero preceduto da un punto ".", da una virgola "," o da un punto e virgola ";" e servono per attribuire gli importi delle registrazioni anche a dei conti supplementari a quelli contabili di base.
  • Segmenti
    Sono come dei sotto-conti che hanno il numero preceduto da un duepunti ":" e che servono ad attribuire a delle sottocategorie dei conti le operazioni contabili.
  • Gruppi
    Servono a creare delle righe di totale. 
  • Sezioni
    Servono a indicare le suddivisioni del piano dei conti, per la stampa del Bilancio, Conto Economico, ecc..

Le colonne del piano dei conti della contabilità in partita doppia

  • Sezione
    Vengono inseriti dei codice che, nel Bilancio abbellito con gruppi, permettono di stampare solo certe parti del piano dei conti.

  • Gruppo
    Viene indicato il codice che definisce che la riga è una riga di gruppo. Il codice del gruppo viene poi inserito nella colonna GR per indicare la totalizzazione di un conto o un gruppo.
  • Conto
    Si inserisce il numero di conto, centro di costo o segmento.
  • Descrizione
    Un testo per indicare il nome del conto, del gruppo o della sezione.
  • Disabilita (presente nella vista Varia)
    • Inserendo 1, il conto non viene visualizzato nella lista di autocompletamento, ma può essere utilizzato ugualmente nella tabella Registrazioni;
    • Inserendo 2, il conto è disabilitato e non può essere usato.
  • BClasse
    Si indica se il conto è 1=Attivo, 2=Passivo, 3=Costi, 4=Ricavi vedi i conti
  • Gr (Somma in)
    Si indica il codice di un gruppo in modo che il programma può totalizzare questa riga nel gruppo.
  • Gr1 e Gr2
     Dei codici di raggruppamento supplementari da usare con i file di report esterni.
  • Saldo d'apertura
    Si inserisce il saldo del conto all'inizio dell'anno.
    Gli importi in avere devono essere inseriti con il segno meno davanti. Il totale degli importi dare (in positivo) e quelli avere (in negativo) devono azzerarsi.  Se i saldi d'apertura non si compensano viene indicato una differenza nella finestra d'informazione.
    Se si sono aggiunti o incollati conti e la differenza non è esatta fare un Ricalcolo contabilità.
  • Movimento dare e movimento avere (Colonna protetta)
    Il totale dei movimenti dare e in avere dei movimenti inseriti nella tabella registrazioni.
  • Saldo  (Colonna protetta)
    Il saldo del conto include il saldo d'apertura e i movimenti in dare e in avere.
    Il saldo dare è indicato in positivo, mentre un saldo in avere è indicato in negativo (segno meno).
  • Preventivo
    Si inserisce l'importo del preventivo dell'anno corrente.
    L'importo preventivo dei costi (dare) deve essere inserito in positivo, dei ricavi in negativo (avere).
    Se è presente la tabella preventivo questo cambo è bloccato e gli importi sono quelli calcolati in base alle registrazioni di preventivo.
  • Differenza Preventivo (Colonna protetta)
    La differenza fra Saldo e importo Preventivo.
  • Anno precedente
    Il saldo del conto alla fine dell'anno precedente.
    Con i comandi "Crea nuovo anno" o "Aggiorna saldi iniziali", in questa colonna vengono ripresi i valori presenti nella colonna saldo del file dell'anno precedente..
    Se si crea una nuova contabilità e si vogliono delle stampe con gli importi dell'anno precedente si devono inserire i valori dell'anno precedente manualmente.
  • Differenza Anno precedente (Colonna protetta)
    La differenza fra il saldo e l'importo dell'anno precedente.
  • Partita IVA
    Il numero IVA se questo conto è abbinato a un cliente o ad un fornitore.
  • Codice IVA
    Il codice IVA che deve essere ripreso in automatico quando nella colonna CtDare  o CtAvere delle registrazioni si inserisce questo conto.
  • Colonne indirizzi
    È possibile fare in modo che il programma aggiunga le colonne indirizzi per gestire i dati di clienti o fornitori.
     

Aggiunta o spostamento di colonne

  • Se si aggiunge una colonna di tipo importo nel piano dei conti il programma fa la somma degli importi secondo lo schema di raggruppamento scelto.
  • Le colonne aggiunte di tipo numero invece non vengono totalizzate.
  • Con il comando disponi colonne si possono rendere visibili delle colonne, spostare la sequenza e si può anche aggiungere altre colonne. 
  • Con i comando imposta pagina si può definire anche la disposizione di stampa (orizzontale o verticale) e lo zoom.

Liste conti ordinate per descrizione o altro

Per ottenere liste dei conti ordinate in maniere diversa usare il comando Estrai e ordina righe dal menu Dati.

Viste

Il piano dei conti viene creato con delle viste preimpostate.

  • Base sono visualizzate le colonne principali, per il raggruppamento, e saldi
  • Movimento sono visualizzate le colonne con il Movimento dare e Movimento avere.
  • Preventivo sono visualizzate le colonne Preventivo e Differenza Preventivo. 
  • Precedente sono visualizzate le colonne Anno precedente e differenza anno precedente 
  • Varia con visualizzate le colonne Disabilita, Partita Iva e Codice fiscale.
  • Stampa con visualizzate solo la colonna conto, Descrizione e saldo.

Le viste possono essere personalizzate e se ne possono aggiungere di altre con il comando Disponi tabelle.

Bilancio di verifica

In qualsiasi momento, con il comando Stampa o Anteprima di Stampa (menu File), a partire dalla tabella Conti, potete stampare il piano dei conti o parte di esso.
Sempre a partire dalla tabella Conti, selezionando la vista Movimento avete la stampa del bilancio di verifica.

Stampe avanzate

I seguenti comandi permettono di visualizzare e stampare in altro modo i conti:

Share this article: Twitter | Facebook | Email


Aiutaci a migliorare la documentazione

Sono benvenuti suggerimenti per come migliorare questa pagina.
Dicci quale tema necessita di una spiegazione migliore o come chiarire meglio un argomento.