Tabella Cambi

Documentazione •
In questo articolo

Nella tabella Cambi vengono inserite la moneta base (moneta della contabilità) e le monete estere con tutti i relativi parametri. 

Prima di impostare la tabella Cambi è necessario aver impostato, nella tabella Conti, i conti in moneta estera con relative sigle e definire la moneta base nel menu File > Proprietà file dati base.

Exchange rates

 

Cambi senza data e con data

Ci sono due tipi di impostazioni dei cambi:

  1. Righe di cambio senza data
    Le righe di cambio senza data vengono utilizzate come cambi di riferimento per convertire le monete estere in moneta base al cambio attuale. 
    Vengono utilizzate:
    1. Quando non esiste uno storico cambi (cambi con data).
    2. Per definire i cambi ufficiali di chiusura e calcolare le differenze di cambio al 31.12 (fine esercizio contabile).
      In fase di chiusura, per il calcolo delle differenze di cambio, devono essere usate obbligatoriamente le righe di cambio senza data. 
       
      • Cambio attuale e di chiusura
        • È il cambio inserito nella colonna Cambio dove viene inserito il tasso di cambio attuale o quello di chiusura a fine anno.
        • Questo cambio viene proposto automaticamente nelle registrazioni, quando viene inserito il conto relativo alla moneta estera e non esiste un cambio storico per questa moneta (righe cambio con data).
          Se si modifica il cambio nella tabella Cambi, i cambi e gli importi precedentemente usati nelle righe di registrazione non vengono modificati.
        • Ogni volta che vengono registrati dei movimenti in moneta estera, le differenze di cambio che si generano vengono visualizzate nella colonna Saldo calcolato della tabella Conti (vista Saldo); esse e sono la base per il calcolo delle differenze di cambio e per la conversione in Moneta 2.
        • Cambio di chiusura:
      • Cambio Apertura
        È il cambio inserito nella colonna Apertura e si utilizza solo nei seguenti casi:
        • Alla creazione di un nuovo file multi-moneta in Banana Contabilità Plus. 
        • Quando si crea il nuovo anno, il cambio di apertura viene ripreso in automatico, secondo il cambio di chiusura dell'anno precedente (colonna Cambio).
          Il cambio di apertura viene utilizzato in automatico nella tabella Conti per convertire gli importi di apertura della moneta estera negli importi di apertura della moneta base della contabilità.
          Se si modifica il cambio d'apertura bisogna ricalcolare la contabilità.
           
  2.  Righe di cambio con data (cambi storici)
    Quando nella tabella Cambi vengono inserite delle date, e nella tabella Registrazioni i movimenti in moneta estera sono registrati in base ad una data definita nella tabella Cambi, il programma sceglie il cambio con data uguale o minore più prossima alla data della riga di registrazione.
    • Il programma utilizza il cambio storico:
      • Quando si inseriscono delle registrazioni ad una data specifica e nella tabella Cambi esiste un cambio storico.
      • Quando si creano le differenze di cambio e viene specificato di usare il cambio storico nel dialogo Calcola differenze di cambio.
        Nelle righe di cambio della tabella Cambi che hanno uno storico cambi non deve essere inserito un cambio di apertura (colonna C. Apertura).

Colonne della tabella Cambi

Tutte le colonne disponibili per la tabella Cambi sono visibili nella vista Completo.

Data

La riga senza una data viene utilizzata come cambio di riferimento quando manca una storico cambi (cambi senza data).

Moneta Riferimento

È la moneta di partenza (moneta base) per il cambio delle monete estere (EUR nell’esempio).

Moneta

È la moneta di destinazione (moneta estera), il cui valore valore viene convertito nella moneta di riferimento.

Testo

Inserire un testo per indicare la moneta estera.

Fisso

Vero o falso. Se si tratta di un cambio fisso, nella colonna inserire inserire
In questo caso per la moneta estera con cambio fisso viene utilizzato sempre lo stesso cambio finché non viene modificato. Solitamente, viene applicato un cambio fisso quando ci sono dei conti, il cui valore non deve subire continue fluttuazioni (esempio Investimenti immobiliari).

Molt. (Moltiplicatore)

Il moltiplicatore normalmente è 1, 100 o 1000, e serve per ottenere il cambio effettivo. Il moltiplicatore viene usato per le monete che valgono unitariamente poco, per evitare di inserire cambi con molti zeri.
Nei nostri modelli, nella tabella Cambi, colonna Moltiplicatore viene usato il moltiplicare negativo (-1).

In questo caso:

  • Nella colonna Moneta di riferimento si inserisce la moneta base della contabilità
  • Nella colonna Moneta si inserisce la moneta in valuta estera.

Quando nelle colonne Moneta di riferimento e Moneta le sigle delle monete vengono invertite bisogna inserire nella colonna Moltiplicatore 1 (cambio positivo).

Se sono state già inserite delle registrazioni con la medesima moneta, non modificare il moltiplicatore, altrimenti il programma segnalerà errori nelle registrazioni dovuti a cambi errati.

Cambio

Il cambio attuale o di chiusura della moneta rispetto alla moneta di riferimento.
Serve anche per calcolare le differenze di cambio. Prima di calcolare le differenze di cambio è necessario aggiornare il cambio in questa colonna, secondo il cambio di chiusura ufficiale.

Il cambio e il moltiplicatore vengono applicati secondo le seguenti formule:

  • Con moltiplicatore > 0
    Importo moneta = Importo moneta rif. * (cambio / |molt.|).
  • Con moltiplicatore < 0
    Importo moneta rif. = Importo moneta * (cambio / |molt.|).

Cambio d’apertura

È il cambio al momento dell’apertura. Da indicare solo nella riga senza data.

  • Viene usato per convertire l’importo di apertura delle monete estere in quello d’apertura della moneta base della contabilità.
  • Deve corrispondere al cambio di chiusura dell'anno precedente.
    Quando si passa al nuovo anno, il cambio di apertura viene aggiornato in automatico secondo il cambio di chiusura dell'anno precedente inserito nella colonna cambio (tabella Cambi).
    Se i cambi di chiusura non sono uguali a quelli di apertura, il totale attivi e passivi potrà risultare diverso, vedi pagina Differenze nei saldi iniziali.
  • Il cambio di apertura non deve essere mai cambiato durante l'anno, altrimenti si creano delle differenze di cambio nel totale dei saldi iniziali
  • Il cambio di apertura non deve avere una data.

Minimo

Il cambio minimo accettato. Se nelle registrazioni viene utilizzato un cambio minore c’è un avviso.

Massimo

Il cambio massimo accettato. Se nelle registrazioni viene utilizzato un cambio maggiore c’è un avviso.

Decimali

Il numero dei decimali con cui arrotondare gli importi della moneta estera.

Modifiche dei cambi

I cambi attuali delle monete estere possono essere modificati nella tabella Cambi, colonna Cambio, nelle righe senza una data. In questo caso, quando nella tabella Registrazioni viene registrato un movimento con un conto in moneta estera, il programma riprende in automatico il cambio impostato nella tabella Cambi. Se si modifica un cambio nella tabella Cambi non ci saranno ripercussioni nelle registrazioni già inserite; il nuovo cambio viene utilizzato per le registrazioni future. 

È possibile modificare il cambio anche direttamente nella tabella Registrazioni, inserendo manualmente il cambio desiderato nella colonna Cambio. Questo cambio non modifica il cambio presente nella tabella Cambi.  

Nei casi che seguono, modificando il cambio si hanno delle ripercussioni:

  • Modifica del cambio d'apertura:
    Se viene modificato il cambio di apertura, ricalcolando la contabilità, il saldo iniziale dei conti in moneta base sarà ricalcolato con il nuovo cambio.
    Attenzione quindi a modificare i cambi di apertura in presenza di saldi iniziali. 
    Se si modificano i cambi di apertura e ci sono saldi iniziali, è importante effettuare un Ricalcolo completo della contabilità.
  • Modifica del moltiplicatore:
    • Se viene cambiato il moltiplicatore di una moneta già utilizzata nella tabella Registrazioni, ricalcolando la contabilità, il programma segnala un avviso.
      Occorre reinserire l'importo della registrazione e quello in moneta base corretto.
    • Quando si ricalcola la contabilità vengono ricalcolati di conseguenza i saldi di apertura in moneta base.

Cambi diretti

I cambi diretti sono quelli dove si indica sulla stessa riga la moneta base e la moneta estera.
Nell'esempio sottostante il cambio diretto è EUR → USD.

cambio diretto nella tabella Cambi

Cambi indiretti

I cambi indiretti sono quelli dove non si specifica un cambio diretto fra due monete (uso sconsigliato).
Il cambio viene dedotto dal programma sulla base di altre combinazioni di monete inserite.
Nell'esempio il cambio EUR → USD non è stato definito, e il programma lo deduce combinando il cambio EUR → USD e USD → EUR.

Il programma supporta cambi indiretti. Si consiglia di usare unicamente dei cambi diretti  ed evitare di usare dei conti dove non è specificato il cambio in modo diretto fra la moneta base e la moneta del conto. Con i cambi indiretti e possibile che non sia sempre chiaro il cambio che viene applicato.

cambio inverso nella tabella Cambi

Storico cambi

Come indicato precedentemente, se un cambio ha una data, il programma lo considera come cambio storico.
Nei casi qui di seguito indicati, il programma sceglie il cambio con data uguale o minore più prossima alla data della riga di registrazione:

  • Quando si inseriscono delle registrazioni, se c'è un cambio storico, viene proposto e usato come cambio predefinito.
  • Quando si Creano le differenze di cambio e viene specificato di usare il cambio storico.
  • Nelle righe con data, il cambio d'apertura non viene usato.

tabella cambi

È possibile importare cambi da un altro file .ac2 o copiare/incollare cambi storici da Excel.
Se si importano diversi cambi storici a posteriori, cioè quando si sono già eseguiti movimenti contabili, affinché il programma utilizzi i cambi importati, invece che quelli immessi in sede di registrazione, occorre semplicemente cancellare manualmente i cambi delle registrazioni, nella colonna Cambio della tabella Registrazioni.

Cambio medio mensile

Quando si inserisce un cambio medio mensile, questo deve essere inserito manualmente nella tabella Cambi, in una riga senza data. Nelle tabella Registrazioni, per i conti in valuta estera, il cambio medio verrà sempre ripreso finché non verrà aggiornato nuovamente nella tabella Cambi.

Per il cambio medio mensile si consiglia di consultare la pagina dei cambi proposti dalla Confederazione.

help_id
multicurrency::exchangerates

Aiutaci a migliorare la documentazione

Sono benvenuti suggerimenti per come migliorare questa pagina.

Informaci quale tema necessita di una spiegazione migliore o come chiarire meglio un argomento.

Condividi questo articolo: Twitter | Facebook | LinkedIn | Email